Novara (Nuara in novarese) è un comune italiano di 104.277 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia in Piemonte. Dista solo 15 km dalla Lombardia ove il Fiume Ticino segna il confine tra le due regioni. È la seconda città piemontese per popolazione e crocevia di importanti traffici commerciali tra gli assi viari che congiungono Torino a Milano e Genova alla Svizzera. Simbolo della città è la cupola della Basilica di San Gaudenzio, alta 121 metri.

Storicamente, la città fu fondata attorno all’anno 89 a.C. come colonia di diritto latino, in occasione della concessione della cittadinanza latina alle tribù celtiche della Gallia Transpadana. In età imperiale Novaria era un importante municipium ed era situata sulla strada tra Vercellae (Vercelli) e Mediolanum (Milano). La sua pianta a strade perpendicolari (rimasta intatta) risale al tempo dei Romani. Dopo che la città venne distrutta nel 386 da Magno Massimo per aver parteggiato per il suo rivale Valentiniano II, venne ricostruita da Teodosio I. In seguito venne saccheggiata da Radagaiso (nel 405) e da Attila (nel 452).

Durante la dominazione dei Longobardi Novara fece parte del ducato di San Giulio. Con Carlo il Grosso il novarese divenne una contea. La città si sviluppò, diventando poi un libero comune. Nel 1110 venne conquistata da Enrico V e distrutta, nel 1167 fece parte della Lega Lombarda. Tra la fine del XII e gli inizi del XIII secolo il Comune di Novara si assicurò il controllo di buona parte del Novarese, con l’eccezione dell’enclave vescovile della Riviera di San Giulio. Alla fine del XII secolo accettò la protezione di Milano e divenne così dominio dei Visconti e poi degli Sforza.

Nel 1706 Novara venne occupata dalle truppe dei Savoia. Con la Pace di Utrecht, la città, insieme a Milano, divenne parte dell’Impero Asburgico. Dopo l’occupazione del 1734 da parte di Carlo Emanuele III, passò, nell’anno successivo, a Casa Savoia.

Dopo la campagna in Italia di Napoleone Bonaparte, Novara fu capitale del Dipartimento dell’Agogna, per poi essere riassegnata alla Casa Savoia nel 1814. L’8 aprile 1821 fu luogo di una battaglia in cui le truppe regolari sarde e austriache sconfissero i liberali costituzionali piemontesi; nell’ancora più tremenda Battaglia di Novara del 23 marzo 1849, l’esercito piemontese fu sconfitto dagli austriaci del maresciallo Radetzky; questo fatto portò all’abdicazione di Carlo Alberto di Savoia ed alla occupazione della città da parte degli austriaci. La sconfitta dei Piemontesi può essere vista come l’inizio del Risorgimento italiano.

Con il regio decreto nº 3702 del 23 ottobre 1859 (“Decreto Rattazzi”), fu istituita la provincia di Novara, che comprendeva all’epoca anche le attuali province di Vercelli, di Biella e del Verbano-Cusio-Ossola.

La città è insignita di Medaglia d’oro al merito civile concessa nel 2007.

Scroll Up